venerdì 10 agosto 2012

Banane...lamponi... (o forse no?)





Accade sempre.
Quella mattina che decidi di alzarti presto (e presto vuol dire qualcosa come le 4) per andare col tuo moroso in montagna, a fare una bella escursione rilassante sull'amato Gran Sasso.
Fuori è ancora notte, ti alzi dal letto e ciondoli  alla cieca in cucina ricerca della caffettiera (sempre sia lodata).
Prepari il caffè, prepari i panini, svegli il moroso, ti lavi, ti vesti, prepari lo zaino (sempre troppo pesante), prendi in cima all'armadio le scarpe da trekking e esci...
E mentre esci (e nel frattempo si è fatto giorno) cosa vedi?
Delle belle nuvolazze nere che sormontano proprio la cima dove sei diretta tu.
E allora il dietro front (e qualche bella imprecazione) è d'obbligo.
Accade sempre.
Quella rarissima volta che decidi di essere veramente BELLA per una sera. E allora stai minimo quattro ore in bagno con creme, cerette e pinzette...perchè sì, devi esser liscia più di un legno piallato.
E le successive due ore le perdi davanti l'armadio, a innervosirti perchè hai sempre troppe poche cose (e le troppe poche cose sono stipate in sette ante d'armadio, dieci cassetti e due scarpiere) e perchè quel vestito ti fa bassa, il bianco ingrassa e il verde pistacchio non va più di moda.
E dopo le suddette sei ore ne hai ancora una da passare al trucco... e qui anche Clio è una dilettante visto il numero di prodotti che usi in una serata come questa.
Alla fine sei pronta. Una Jessica Alba de noartri  (ai tuoi occhi, visto che ai più appari più simile a Moira Orfei) pronta a sfavillare sulla riviera, con tacco 12 e altrettanta vanità.
Ma accade anche qui: all'appuntamento in piazza gli amici, un po' sorpresi e imbarazzati, ti dicono:
"Wow, stai bene. Ma veramente è una serata tranquilla, andiamo al bowling."
E accade sempre ancora.
Quando hai voglia di staccare la spina dopo una giornata di studio. E nei giorni pre-esame molte di voi sapranno come è in grado di ridursi una donna.
T-shirt e pantaloni presi alla cieca dall'armadio. Occhiaie simil-orsetto lavatore. Capelli rigorosamente legati. Viso bianco modello Mortisia Adams. Niente trucco, niente inganno.
E quando, appunto, esci a fare due passi intorno a casa, per prendere una boccata d'aria e svagare la mente dalle mille nozioni accumulate in testolina arriva la tragedia.
L'incontro con praticamente tutti gli abitanti della città, la metà dei quali di tua conoscenza, che si fermano e ti guardano con un misto di curiosità e repulsione e ti domandano "Ma sei stressata? Ti vedo un po' pallidina.."
E tu, che sei pienamente conscia del tuo aspetto, ci tieni subito a precisare..."Sì, dopodomani ho un esame, non ho tempo per far nient'altro che studiare" ma dentro di te maledici il tuo omino del cervello che ti ha convinto a uscire.

Chiamasi imprevisto.
Dannato, stupido, bastardo imprevisto.
Una delle cose che odio di più al mondo.
Una mia caratteristica è quella di fare programmi. Giusto o sbagliato che sia.
E tutto ciò che me li infrange merita la mia sacrosanta rabbia.
Ma da qualche tempo ho scoperto la strategia per vivere felice.
Il piano B.
Non si può andare a far trekking causa maltempo? Bene, si va comunque verso la montagna con la macchinetta ad esercitarsi un po'. E chissà che non venga su qualche bella foto con l'arcobaleno.
Ti sei agghindata con tacco 12 ma i tuoi (dannati) amici propongono una serata che non ti aspettavi? Metti le ballerine in borsetta e sarai pronta ad ogni occasione.
Vuoi uscire la sera prima dell'esame anche se fai a dir poco schifo? Fregatene del parere degli altri, stai studiando per te e per diventare una persona migliore. [E comunque un filo di matita e mascara possono aiutare davvero molto.]

E in cucina?
In cucina è lo stesso.
L'altra mattina canticchiavo la canzone di Morandi...quella che fa... "banane...lamponi....chi c'era con te?".
E in mente è balenata un'idea. Un bel frappè.
Banane? Presenti.
Lamponi? Assenti.
Bene, il supermercato sicuramente li avrà.
Ma indovinate un po? Zero lamponi, rabbia furiosa e programma di frappè in fumo.
Ma poi la mia nuova teoria del Piano B ha preso il sopravvento e... tadààààààààà...... sostituzione presto fatta dei lamponi con le more!
Risultato assicurato!!!
W il piano B.


Frappè Banane e More
2 banane mature
100 gr di more
100 ml di latte
40 gr di ghiaccio tritato

Sbucciare le banane e tagliarle a pezzetti.
Lavare bene le more.
Mettere la frutta nel frullatore con il latte e frullare.
Aggiungere il ghiaccio e frullare un'ultima volta rapidamente.
Guarnire con le more e servire subito

Bon Appetit


26 commenti:

  1. ahah, cara Margò! Come ti do ragione.. pare che la mia esistenza intera delle volte si giochi sui 'piani B'!! Io ci convivo, ormai, con l'imprevisto: quasi quasi mi chiedo dov'è, se non arriva. Chissà se aspettandolo magari 'mi fa il dispetto di non venire'!? :D Sei fortissima, e poi bisogna sempre trovare il lato buono delle cose: magari non hai trovato i lamponi proprio perchè altrimenti non avresti saputo quanto è buono questo frappè!! :D Ti abbraccio cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Ely, in effetti anche io...sono moooolto più presenti i piani B nella mia vita, che i piani A ('sti screanzati che non sono altro). Grazie grazie grazie, e hai ragione, da un lato è stata davvero una sorpresa scoprire il nuovo sapore di questo frappè! Un bacio

      Elimina
  2. Non immagini cos'ho provato quando hai detto "amato Gran Sasso"!!! Quanto mi manca il suo "buongiorno" spalancando la finestra la mattina; sto facendo il conto alla rovescia (anche se ancoea un po' lungo) per tornare a casa e poterlo riammirare in tutta la sua bellezza.
    Mi piace la tua politica del piano B, dovrei imparare ad essere più preparata anch'io, l'imprevisto mi manda sempre in tilt, almeno nel primo quarto d'ora vado in fumo! Tutto sommato può essere anche stata una fortuna non trovare i lamponi, così hai scoperto un nuovo, goloso abbinamento ^_^ Baci, buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Federica, che orgoglio e che pienezza nel cuore sapere che qualcuno mi comprende quando parlo del gigante addormentato!:) Di dove sei di preciso? Chissà che qualche volta non riusciamo ad organizzare una scampagnata?! Sarebbe stupendo!
      E sì...la politica del piano B la consiglio davvero a tutti, funziona (quasi) sempre!:D Un bacione

      Elimina
  3. Mamma... che frappè!!! :-D

    RispondiElimina
  4. Ahahah, mi fai morire, soprattutto perchè è tutto tremendamente familiare...
    Sinceramente, i miei piani B di solito finiscone peggio di quelli A, ma forse col tempo migliorerò:)
    Però l'esercizio con la macchinetta dà i suoi frutti, le tue foto sono favolose, e il frappè... bè, no comment, it's fantastic! (Sorry, sono appena tornata dall'Inghilterra e ho qualche crisi di identità:D)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah che bella l'Inghilterra *_* beata te...
      E sì, spesso anche i miei piani B non sono dei migliori..ma forse qualche volta mi salvano proprio! E grazie grazie mille! Un bacio

      Elimina
  5. Aahahahahahah mi hai fatto morire, giuro! :D Simpaticissima! Mi sono trooooppo riconosciuta in quella che non ha mai abbastanza vestiti che però occupano due armadi praticamente ahahahahah :D Adotto sempre il piano B in questi casi, mai farsi avvilire dagli imprevisti! ;) Buonissimo questo frappè, secondo me più buono con le more che con i lamponi ;) Un bacione, buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh Vale, credo che ogni ragazza/donna ci si possa riconoscere...è SEMPRE e dico SEMPRE così!:D E grazie per i complimenti, sì in effetti con le more è molto molto gradevole! Un abbraccio

      Elimina
  6. Ciao Margot, molto divertente il tuo post.Bellissime le foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lilly, grazie di essere passata e grazie per i complimenti! Un abbraccio

      Elimina
  7. Ciao Margot, piacere di conoscerti e grazie di essere passata da me! Molto carino il tuo blog, bellissime foto e ricettine! Mi aggiungo ai tuoi follower, scusami solo se non riuscirò a passare e lasciarti commenti: sono sempre super indaffarata (e stressata...) e faccio fatica a leggere i vostri blog, purtroppo!!!
    ciao e buon ferragosto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Mila, grazie mille di essere venuta da me, e non preoccuparti, so cos'è la vita frenetica quotidiana, sentiti libera! Un abbraccione:)

      Elimina
  8. Aahhahaha ma quanto è vero quello che scrivi! Grandissima che hai sempre il piano B, ti ammiro!! Questo vuol dire anche saper vedere il lato bello delle cose e ti fa veramente onore. Direi che questo piano B con le more è proprio buono! Buon fine settimana cara :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah cara, grazie mille, troppo gentile e devo però ammettere che i miei piani B non sono sempre infallibili...e c'è sempre spazio per gli imprevisti che vincono! Un abbraccio

      Elimina
  9. Ciao!!!
    Complimenti per il blog!!!
    Che delizia!!!!
    Se ti va passa per un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica!! Grazie mille, gentilissima! Passo da te:)

      Elimina
  10. ciao, ma che piacere conoscerti, lo dico sul serio, sei simpaticissima e ho letto il tuo post molto volentieri.
    Sai che siamo già telepatiche, mentre tu mi lasciavi un commento io stavo preparando il post con il mio frullato ai frutti di bosco. All'aggiunta delle banane non ci avevo pensato, e in effetti non ci stanno niente male.
    Ho letto anche qui sotto qualcosa dell'Africa, io praticamente ho il mal d'Africa.
    A presto, un bacione
    sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sabina ma che tenera! Ti ringrazio tantissimo e mi fa tanto piacere che hai trovato qualcosa che ci accomuna, io ne ero certa che qualcosa ci fosse perchè già solo vedere la tua splendida foto con la cagnolona per me significa "amore incondizionato per gli animali" e questo per me vale più di tutto! Ora passo a vedere il tuo frullato, che sono curiosa:)

      Elimina
  11. Eccezionale questo frappè! Ho le more nell'orto e questo è un ottimo spunto per adoperarle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Francesca grazie mille, in effetti uso fin troppo poco le more, ma questo è un uso furbo e rapido e piuttosto buono!:D Un abbraccio

      Elimina
  12. Ti ho scoperto solo adesso, ma son sicura che ti seguirò sempre :)
    Studentessa anche io e abruzzese doc, ho letto che tu sei stata "adottata" da questa terra, ma leggere dell'amato Gran Sasso mi emoziona :)
    Ottima idea con le more, adesso qui i rovi ci offrono infiniti frutti.. meglio goderseli al massimo :)
    A presto :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao Ileana!! E che bello sapere che ci sono altre food blogger abruzzesi!!! E sì, è vero, anche a casa mia in campagna i rovi sono colmi di more in questo periodo...
      Un abbraccione e grazie mille!

      Elimina
  13. veloci, freschi...ottimi direi per combattere l'afa dell'estate...bella anche la tua presentazione che rappresenta anche me, spiega il mio amore per il mio cane , la mia voglia di capire il suo mondo, di fotografare attimi di vita....e di mangiare a tutti i costi nonostante le mie svariate allergie.perchè il tempo è denaro e la vita è una sola. ti seguo e se ti va ti aspetto nel mio blog"amiciallergici.blogspot.com un sito per allergici e non, per unire due mondi erroneamente creduti diversi ma poi molto simili...ho creato un blog e scritto un libro in prossima uscita perchè non c'è tempo di aspettare che ci si accorga che anche gli allergici, mangiano...ciao ciao..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, piacere di conoscerti e grazie, grazie mille, mi fa piacere condividere con te alcune passioni. E sì, passo subito da te! Un abbraccio

      Elimina